Piacere, sono Virgola; ho 16 anni e sono 
una cagnolina molto affettuosa che vuole un sacco di bene ad Angela e Vittorio. 
Il mio compito è quello di presentarvi gli altri animali e quelli
del mio condominio (el me spetta de diritto per ona question de anzianità).

Metti la freccetta del mouse sulla foto..

Virgola ci ha lasciati il 9 giugno 2002 all'una. Non la dimenticheremo mai!!!

Saluto a Virgola

Virgola, te see proppi andada via
dopo ben dersett'ann de compagnia,
on tocch de vita insèma, con amor
pronta a spartì con numm gioia e dolor.
T'hee vist i noster fioeu ancamò bagai,
t'je vist a cress con tutt'i cambiament,
semper arent, a scongiurà di guai,
perché anca i besti, gh'hann di sentiment!

Adess, cont on magon che feniss pù,
guàrdom la toa coccetta, el collarin,
tutt quell che ghe regorda i tò virtù,
i tò oeucc inscì bon, el tò musin...
e me ven de pensà: "Per sti creatur,
T'hee creaa on bell canton, o car Signor?
Lor che di volt subissen di tortur,
che mej di omen sann 'se l'è l'amor?"

Ciao Virgola, voeuri pensatt inscì:
viscora, in compagnia de tanti amis,
anca se, per fortuna, pur de chì
la toa vita l'è stada on paradis.

Ada Lauzi

Stori de animai

Tutt'i razz del mond (el Toscani le pensa inscì, e mì con lù...)

La razza de chi bandona on can la gh'ha sti caratteristich chì:

1. faccia doppia
2. l'è sord ai appèi
3. l'è senza scrupoi
4. el gh'ha la coa de paja
5. el gh'ha el pel in sul stòmich


LUMA Luma l’è ona cagnètta bastardina (adess se dis " meticcia") che la somèja tanto a la mia Virgola, stess color: bianc e mognagh in sui oregg. L’è stata investida in april in via de Cermenaa, l’è scappadaa, impaurida e ferida e l’è sparida.
El sò padron l’è andaa in gir per Milan a cercalla per cinqu dì, ma el disperava che la podess trovà de per lee la soa cà perché eren a Milan domà da on mes. Ona tristezza legg i manifest lassaa in sui mur con la soa fotografia!
Come l’è finida la storia?!?
L’ "eròica" Luma, dopo cinqu dì, l’ha grattaa con la sciampina la porta de la soa cà: l’era staa bòna de trovà la strada, anca se smagrida e cont i sciampitt pien de taj e sangu………
On futur bel m’el sô a Luma e ai so padron!




Ciccia (Signor, me l’è bella!) – agost 2001

Me par giust ciamà inscì ona "cinghiaporscellina" de 30 kg., color caffelatt, alta 40 cm e longa 70, cont on coin a rizzol e i oeugg grand e pien de paura. L’era stada vista al Parco Nord, ma, fòrsi invaghida di spettacol estiv de Milan, l’ha pensaa ben de fà on viaggett. Senonchè la s’è persa per strada e domà dopo trii dì (ma per fortuna) i guardi del Parch e i volontari ENPA l’hann trovada a Brèss e l’hann missa in d’on pòst sicur a Monza. (L’era naturalment affamada!). Però sarà difficil che i sò padron vaghen a cercalla, in del timor de dovè pagà ona quai multa.





I animai del condomini
(quei che sporchen no i marciapè)



je suis kelly, se 
leggerete la mia storia capirete perche parlo anche il francese, ma ve saludi cont ona leccadina meneghina.

Me ciami Kelly, gh’hoo 9 ann e sont ona bastardina (adess se dis meticcia) "focada" e la mia mamma l’era la Bea del "Ciccio" de la nòstra piazza. Anca se stoo in ona famiglia italo-francesa, me son mai dada di ari e son restada on can ver ("verace" a disen i napoletan). Sont ona golascia (ecco perché son grassinna) e el mè sògn l’è quell de robà on alter oss pien de ciccia al macellar chi al canton. Ròbba che per on can l’è minga on rubalizzi, ma domà soravivenza. Son tanto socievola e voraria semper impienì de sciampad e leccadin tanto i can mè collega che i sò padron.



Il ghiro di Roberta
Dopo essere stato curato amorevolmente
e aver raggiunto una sufficiente autonomia,
Roberta l'ha riportato nel bosco








Mi chiamavo ORSO.
Ero uno splendido pastore tedesco.
Il mio padrone, Marco, era in missione e, al suo ritorno non mi ha più trovato.
Il dubbio atroce è che io sia stato narcotizzato e portato via per essere
vivisezionato in un paese straniero.
Anche questi sono uomini della stessa razza di quelli che abbandonano gli animali.




I veri poeti amano gli animali (un po’ meno li amano i miei condomini che sono rimasti assenti all’invito di inserire storie dei propri animali nel sito): ecco come i poeti parlano di loro:

Ona cagnetta (Luigi Cazzetta)

L’andava indeperlee
chissà de quanti dì
avanti e indree,
- tòcch de chì, tòcch de là… -
per i vii de Pòrta Romana,
pòera nana…,
…come in d’on desert
con foeura i oeucc:
(la famm…la famm…)
pièna de paura,
la se vardava intorna.

La gent la vegniva…la passava…l’andava
e lee, lì: el mond davanti,
el voeui de dent: spavent…spavent!
E, magra come l’era,
in su la pell, i segn de tanti bòtt.

On inferno, i so pòcch mes de vita!

Passa ona dòna giovena,
ona sposa, le guarda,
se guarden, se intenden;
la rallenta el pass
e la cagnetta, incerta, adree!
Infilen el porton,
i scal…hinn in cà.
Ghe semm! E adess, se femm?
Brutta ròba, vorègh ben ai besti!
O nò??…Nò…nò, anzi l’è bell.
L’è bell perché te sentet
che lor capissen quell che tì te penset.

Se l’è ciappada in brascia…
’na man sora la crappa
(Signor, tutt òss!)
la ghe parlava:
"la pappa, sì. la pappa vera?"

Quand vegnuu giò la sera…
in d’on canton…buttada là su on strasc,
quella cagnetta, stracca, sfenida,
la dormiva…la piangeva:
brutt sògn (i bòtt, i bòtt!)
Vesin, voeui…el baslòtt.

Mì e el mè can (Luigi Cazzetta)

I cavei bianch sui ann, sora l’etaa
me disen nient,
nient come l’è ‘l temp…fermo inciodaa.
Minga ona vos
e minga on pass;
nagòtt che nass denter de mì.
In là de la finestra, vardi el ciel:
al e nivol in vol…
hinn tròpp lontan!
E mì son soll cont el mè can,
mì…e lù,
settaa sui sciamp dedree,
sora i mè pee,
el mus sui mè genoeucc…
el varda in su,
el carezzi.
Vun per l’alter…
i so oeucc…i mè oeucc: nient alter!

 

El piccètt  (Gianni Cassanmagnago - Sovico)

In del giardin brinaa,
sègn che l'inverna
l'è adree a rivà,
vedi tra i ramm
de la sces de laor
on piccètt saltellà de scondon.
El va in cerca di pignoeu
crodaa dai pin marittim,
di pomèi ross del spongiràtt,
di fregùj de pan poss
che de spèss
ghe foo trovà
in on baslott.
Da 'n quei ann, ai primm frègg,
el ritroeùvi pontualment
in del mè giardin:
stèss abitudin, stèss moviment,
l'è ormai de cà,
l'è come se l'avessi adotaa.
Se sent de tant in tant
el sò cippà melodios,
come 'l son pizzigaa d'on violin.
El vardi da la finestra de cà mia:
la soa presenza m'inteneriss
e la me fa on poo de compagnia.


Il pettirosso (Traduzione)

Nel giardino brinato,
segno che l'inverno
sta arrivando,
vedo tra i rami
della siepe di alloro
un pettirosso saltellare di nascosto.
Va in cerca di pigne
cadute dai pini marittimi,
di bacche rosse del pungitopo,
di briciole di pane raffermo
che spesso
gli faccio trovare
in una ciotola.
Da qualche anno, ai primi freddi,
lo ritrovo puntualmente
nel mio giardino:
stesse abitudini, stessi movimenti,
è ormai di casa,
è come se l'avessi adottato.
Si sente di tanto in tanto
Il suo chioccolare melodioso,
come il suono pizzicato d'un violino.
Lo guardo dalla finestra di casa mia:
la sua presenza m'intenerisce
e mi fa un po' di compagnia.
 

Doman el màzzom (Luigi Cazzetta)

Ona mattina a traversà el giardin
hoo vist la cuccia voeuja del mè can.
Hoo domandaa lì intorna ai inquilin:
nissun l’aveva vista. A damm ‘na man

l’è staa on fiolett che l’ha veduu passà
i ciappacan – quij ghèzz che gira in strada
arent ai mur e pront a fa scattà
el laccio su ona bestia desgraziada -.

Taccaa cont on sospett adree a sto fil,
son minga staa lì tant a cinquantà:
de corsa, ‘me on dirett, so ‘ndaa al canil
e el mè cagnoeu l’hoo pròppi trovaa là!

‘Na sala granda, freggia, spuzzulenta
e gabbii e gabbii pien – coi dì cuntaa –
de pòer besti e intorna con la senta
i bòja secondin già preparaa.

Boiàven? Caragnaven?… On lament!
Scrusciaa giò in terra, el coo poggiaa sui sciamp
convint (cert el sentiven già dent)
che ormai lì inscì per lor no gh’era scamp.

Tasevi, ‘me se dev tasè davanti
a ròbb che se sa minga cossa fa,
perché s’te voeuret anca, no gh’è santi
che poda datt ‘na man per rimedià.

Guardavi, lì indifes, sti presonee;
andavi in là cercand el mè bestioeu…
…quand tutt a on tratt el vedi! Immaginee
la festa ch’el m’ha faa! El pareva on fioeu!

M’el liberen, el ciappi e son ‘dree andà,
ma incontri i oeucc del so compagn vesin:
"Chissà cossa el voeur dì? El podèss parlà!"
- hoo ditt tra mì – e ciami el questurin.

"Quand l’è – domandi – quand l’avii ciappaa?"
"Vòtt dì: doman el màzzom." "S’el dis su?
Cià chì con mì" (rebatti). El m’ha fissaa
per sicurass se ghe l’hoo ditt a lù.

Poeu el va a dervì la gabbia de quel can,
ch’el salta in pee e…foeura vers de mì
el ven de corsa per leccamm i man.
Le sa el Signor come l’ha faa a capì!

"Doman el màzzom!" Ancamò la ruga
sta vos che la m’ha faa drizzà i cavèi.
El can però, l’è là in giardin ch’el giuga,
cont el so amis, a fa scappà i usèi.

La ballada del pover Tofin (testo: Evelina Sironi - musica: Niny Comolli)

La ballada del pover Tofin
mi ve canti perché
l'era on can bastardin che a Milan
tutti ciamen "pajee".

Ai manover su strad de campagna
'sto cagnoeu l'ha trovaa la cuccagna.
On Dragon l'ha guardaa poeu l'ha dii:
"Quest l'el tegni per mì!"

Col padron in caserma content
el passava i sò dì.
El marciava Tofin per Milan
coi "Dragoni a cavall".

Poeu quel dì ch'el padron l'è partii
el Tofin guarda on poo l'è finii
con la guardia al Palazzo del Re
fermaa lì drizz in pee!

E de ronda lì in piazza del Dòmm
gh'era on can e on soldaa
on cagnoeu che coi oeugg al padron
el pareva incollaa

E quand lù l'è partii per la guerra
anca el can l'ha lassaa la sua terra
Fin in Russia el destin l'ha portaa
con centmila soldaa...

El cannon, la tormenta, la nev...
on fior ross...on foppon... ...
on cagnoeu deperlù disperaa
ch'el rifà la soa strada...

La garitta de piazza del Dòmm...
on soldaa ch'el gh'ha minga el sò nomm...
...e tì lì che te spettet fident
fra el viavai de la gent!

Ma lù el torna nò indree...
Sara i oeugg can pajee!