Mezzogiorno sulle Api - 1891"Stria d'on Barabbin"

El gran cald de st'estaa, el frecass e el traffich de la citt porten a desider i bei montagn, i giazzee, la ps e el refrigeri. E insc se pensa al Trentin, a la Brianza e a la vesina Engadina, anca lee tanto apprezzada dai milanes.
A furia de sogn cont i oeugg avert, me ven in ment ona stria che ve cunti s e che ciamaroo

Coeur e anima d'on Barabbin

On Barabbin, anca se l' nassuu foeura de Milan se dev considerall vun de nun, perch l el coeur e l'anima i ha portaa adree de la soa terra, ma l' chi e in la nstra Brianza che l'ha cominciaa a esprimess.

On d, ch'el tornava de scla - oramai giovinttell - con la cartella di foeuj de disegn sttbrasc, rivaa sul ripian de la scala stt'al s, el sent di lament vegn foeura d'on uss on poo avert. El ghe va vesin, el derva pian l'uss e el resta colpii e meravigliaa davanti a la scena che ghe se presenta: in d'ona stanza misera ona mma la piangeva visin a la soa piscinina, distesa sul lett, mrta...la testina on poo piegada sora el cossin come se la dormiss. La pra dnna la guardava fiss la cara immagin e la mormorava tra i sangott: "Te vedaroo p, bambin, te vedaroo p...". El giovin el resta colpii ancam pussee de 'sti parll; el tira foeura carta e lapis e el mett gi con passion, quasi senza fiad, el ritratt de la tosetta. A la fin, el ghe slonga el foeuj a la mma che le rimira per on bell poo, intanta che la piang, stavlta per de commozion.
Ecco, adess l'avaria poduu contempl per semper el s angiolett.

El coeur e l'anima d'on ex-Barabbin aveven daa on poo de consolazion a ona mma disperada.

E se on quaivun el fuss curios de sav come l' cominciada e come l' finida sta stria, m el contenti subit.

El nster personagg el nass in del 1858 in Trentin (proppi "toder " per i toder). El gh'ha dom sett ann quand ghe moeur la mma e el el pader (ch'el va in America) le manda a Milan da ona sorellastra che la dev lavor per mantegniss, ma la trascura el bagai , disperaa de solitudin, on d el scappa de c; el va in gir per i campagn fin ch'el ciappen per vagabondagg (el gh'ha dodes ann) e el metten in di "Barabitt" (l'Istituto Marchiondi de via Quadrnn) che, a l'epoca, l'era ona specie de preson con camerad de 50 lett e i finester con la ferrada.
Ma ch dent almen l'impara a scriv e a f el bagatt; insc, quand el ven foeura a dersett ann, el po' and innanz a studi a Brera, intanta ch'el fa l'assistent a on pittor che per le paga pcch, tant che l'inverna bisient del 1879 le troeuva a dorm stt i arch de Prta Noeuva, barbon in mezz ai barboni. Poeu, in del 1883, el riess a mangi on piatt cald in di "Cusin Economich" e a f on bagn in del "Bagn Municipal" in faccia al Pont di Gabell.

Ma intanta l'aveva finii i studi a Brera e, finalment, a ventisett ann, i s condizion vann mej perch el comincia a vend i s quader, el se sposa e el troeuva c in Brianza indoe ghe nassarann quatter fioeu.

In del 1886 el se trasferiss in Svizzera per trdes ann perch el s sgn l' quell de viv e pittur a la serena e semper pussee in alt, per cerc i armonii de la lus e del color e per cre "capp d'pera" de sinceritaa, passion e purezza, che eren anca i qualit de la soa anima d'artista. Naturalment el diventa "svizzer" e svizzer el resta fin al 1899, quand el moeur per on attacch de "peritonite" in d'on baitell sperduu sora el Schafberg/Maloja di Grison, intanta ch'el pittura el "Trittico delle montagne" (on quaivun el dis che l' staa on gran temporal a fagh tir i calzett!).

Purtrpp l' mai staa bon de ricev la cittadinanza italiana, tanto desiderada; che per mi me senti senz'alter de dagh.

Son stada bna de scond fin a la fin el nmm del personagg . Se tratta de Giovanni Segantini, on mm che l'ha poduu liberass d'ona giovent de profonda solitudin, de povert e de esperienz amar perch el paesagg di montagn del s Trentin ghe l'aveva fissaa in di oeugg fin da fioeu e l'aveva compagnaa per tutta la vita.

(Angela Turola - estate 2002)

La Gesetta de Nosed, (ex area porto di mare)

Un angolo di storia da salvare.

"Milano bella", recita il Concorso fotografico dell'Accademia del Dialetto Milanese.
Bello anche scoprire Milano. Percorrendo la Via San Dionigi (confine sud della Zona 4), dopo Viale Omero, dove le case finiscono, ci si trova d'improvviso in aperta campagna: all'orizzonte, il Parco Sud, con Rogoredo e Chiaravalle. Accanto ad una cascina da ristrutturare, al numero civico 77, appare una chiesetta minuta, ma con il suo bel campanile: incuriositi ci avviciniamo, vediamo un cancello, suoniamo e...arriva il nume tutelare della "chiesetta di Nosedo", Suor Ancilla Beretta, che l dal 1988. Ci apre, ci fa entrare e...racconta.

Nel 1998 nasce l'Associazione Nocetum (Suor Ancilla la Presidente), con lo scopo di "creare un luogo di preghiera e aggregazione cristiana, ma anche di tutelare e salvaguardare il patrimonio storico-artistico" e promuovere iniziative culturali coerenti con lo scopo.

La storia
La chiesetta, ricca di storia, fa parte di un antico borgo, il Nocetum, per via di un boschetto di noci quivi esistente. Sorge in epoca romana, probabilmente come tempio pagano, attorno al 220 a.C., su un terreno paludoso e malsano, che i romani tentano di bonificare ma che, dopo le invasioni barbariche - rispetto alle quali, in ogni caso, per oltre mezzo millennio, costituisce un rifugio - torna allo stato primitivo. Come rifugio, appunto, ospita nel 500 d.C. il vescovo Onorato o ne accoglier le spoglie. Nel 1200, la chiesetta luogo di preghiera di alcuni monaci di Chiaravalle, che ne lavorano i terreni l intorno (poi, della storica Abbazia, intorno al 1330, diverr una "grangia, ossia una cooperativa agricola per la popolazione locale). In un'antica carta (1277), la chiesetta chiamata "di san Giorgio" e, successivamente, di "S. Eustorgio"; una carta posteriore (1291) riporta il nome di S. Giacomo e poi dei Santi Filippo e Giacomo.

In epoca successiva, la zona attorno al "Ponte di Nosedo", sul Redefossi, grazie alla folta vegetazione circostante, ricettacolo di briganti: infatti, L. Sarzi Amad, in un suo libro, racconta che i viaggiatori, quando - per spostarsi da Porta Romana a Melegnano o Lodi - dovevano passarvi, si mettevano reciprocamente in guardia, dicendo: "Ohei, fioeu, in gamba la vita"..." (ossia, attenti ai briganti), da cui probabilmente in seguito derivato il nome d'un vicino quartiere: "Gamboloita". La storia tace fino al 1825, quando nella chiesetta (pare) viene celebrato il matrimonio tra Ferdinando I e Isabella delle Due Sicilie. Si racconta poi di una sparatoria, di cui il conte Salasco sarebbe stato fatto segno - mentre si recava a San Donato a parlamentare con Radetzky - da parte di soldati austriaci nascosti nella casina. Sappiamo che, fortunatamente, rimase illeso e pot cos firmare l'armistizio.

La chiesetta, oggi: un appello e un invito.
L'ultima ristrutturazione ha riportato alla luce affreschi di scuola lombarda, risalenti al 1250 ca; dipinti sotto il tetto, lungo tutti i muri, appaiono sbiaditi e scrostati. Inoltre, poich il pavimento trasuda umidit, rischiano di ammuffire e scomparire del tutto. Se la Sovraintendenza alle Belle Arti e le Autorit preposte concordassero sull'utilit del recupero di un pezzo di storia cos importante e decidessero di dare una controllatina al sottosuolo, potrebbero forse trovarsi di fronte all'esistenza di una "catacomba", frutto di una intuizione di Don Giovanni Foi (ex Parroco di S.Michele Arcangelo e S.Rita).

Ma questo piccolo "scrigno paleocristiano" contiene molto altro: il piccolo bassorilievo di S. Giovanni Battista; due acquasantiere (una piccola del 1200, a forma di cupola capovolta e un'altra marmorea, grande, del 1770, vicino alla porta della sagrestia); un quadro raffigurante i santi Filippo e Giacomo (sullo sfondo la chiesetta di Nosedo); tre lapidi (una, paleocristiana che ricorda, con dettagli anagrafici, la sepoltura di tale "Caf...", altre due dedicate al restauro fatto eseguire dal conte Giuseppe Parravicini di Persia nel 1835.

(Angela Turola - pubblicata in maggio 2002 su Sciroeu de Milan)

S.Maria del Sasso alla Magolfa (XVII secolo)

C'era una volta in via Magolfa 13 una chiesetta simile al disegno in questa pagina. Anzi, c' ancora; ma poich il caseggiato che un tempo era un tutt'uno con la chiesa stessa (probabilmente adibito a convento) appartiene alla famiglia Locati. Qualcuno dice di aver chiesto, senza successo, il permesso di entrare a fotografare, mentre Amad sostiene che nel mese di maggio si pu partecipare alla messa delle 9.00. Cercheremo allora dii immaginarla o osservarla e fotografarla attraverso le fessure. Chiss poi perch il permesso non viene dato...i monumenti non appartengono a tutti? In ogni caso la si pu scoprire per via di un piccolo campanile che sporge in altezza.

Anche la via Magolfa non sembra cambiata: conserva il tranquillo fascino del borgo.

L'oratorio S.Maria del Sasso stato eretto per volont di alcuni milanesi che erano devoti alla Madonna del Sangue, venerata nel Santuario omonimo di Re in Val Vigezzo e protettrice degli spazzacamini che da l provenivano, per potervi custodire un'immagine di questa Madonna. Il nome ricorda che il 29 aprile 1494 (un marted) l'affresco della Madonna cominci a sanguinare e cos continu sino al 18 maggio, dopo essere stato colpito dal sasso di un vagabondo. (la veridicit del miracolo documentata.)

Un articolo di Raffaele Bagnoli, riportato dalla Famiglia Meneghina su uno dei suoi almanacchi ci dice che all'interno della chiesa, che ha un'unica navata, "l'immagine troneggia sopra l'unico altare racchiusa in una marmorea cornice barocca. Attorno sono disposte tele del tardo Seicento di autore sconosciuto ed una pi recente raffigurazione a mosaico di S. Ambrogio, realizzata con toni accesi e con scarso impegno iconografico. Nella volta a botte del presbiterio, si nota una movimentata raffigurazione barocca dell'Assunzione di Maria."

I 150-200 spazzacamini che, fino al 1880, venivano a lavorare a Milano, quando ancora non esistevano i pi moderni sistemi di riscaldamento, la sera si ritrovavano all'Oratorio perch l'immagine li faceva sentire meno lontani dal proprio paese. Successivamente il lavoro venne loro sempre pi a mancare e cos nel 1869 si dovette persino pensare all'istituzione di un Patronato Spazzacamini perch i pi poveri potessero trovarvi accoglienza, vestiario, aiuto nel salvaguardare i propri diritti di lavoratori ed anche ricevere per i loro bambini un po' di istruzione scolastica, bambini che si portavano appresso perch, essendo piccoli e minuti, potevano pi facilmente infilarsi nelle canne fumarie. Quest'organismo fu tenuto in piedi per diversi anni nonostante i problemi economici e uno dei benefattori passati alla storia, dice sempre Raffaele Bagnoli, era il Cav. Sala che il 29 gennaio portava un gruppetto di spazzacamini in piazza S. Alessandro dove il Comune e i facchini portavano offerte a S. Aquilino martire, loro patrono, il cui corpo riposa nella Basilica di San Lorenzo. E Angelo Motta (e chi non lo conosce?) mandava dal suo negozio di via della Chiusa una cesta di fette di panettone per gli affamati spazzacamini.

Anche Luca Sarzi Amad parla di loro nei suoi libri e racconta che la domenica mattina gli spazzacamini andavano a vendere la fuliggine raccolta in via Argelati 17 da certo De Simoni (negoziant de carisna, ma anche produttore di carboncini per pittori) il quale a sua volta la rivendeva ai pellettieri (pellattee) che la usavano per liberare le pelli dai peli. Poi seguivano la messa in via Magolfa e affidavano i bambini alla dame di San Vincenzo che, in un capannone situato vicino all'Oratorio distribuivano loro maglie di lana (gipponitt), calze (calzett) e zocccoli (zccor) e poi facevano loro mangiare una zuppa con pan de mej e scart del macellar de Ripa Ticines 5 e on poo de "raspadura" di formaggiatt del Cors S. Gottard.

Gli adulti pranzavano invece all'osteria C di Can - ora garage -(cos chiamata forse perch i proprietari erano i fratelli Cane) di via Trincea delle Frasche. Costo 1 lira e mezza, riferisce Amad. E ci offre un'altra curiosit. Cio che uno dei fratelli Cane era anche titolare dello "scaldatoio pubblico" di via Anfossi dove nei primi anni del '900 i barboni potevano trovare, nei mesi freddi un brodo caldo fatto con la trippa (busecca) e in estate potevano dissetarsi con una birra di limone, praticamente una limonata al bicarbonato.

Quando gli spazzacamini smisero di frequentare l'Oratorio di via Magolfa, vennero sostituiti da lavandai (lavandee) e conciatori di pelli (confici).

(Gianni Turconi "el Giani" e Angela Turola)

I Contrad de Milan

Negli anni '30-'40 Alex Visconti, insegnante di Storia del Diritto, firmava gli elzeviri "vecchia Milano" sul Corriere della Sera.

In alcuni di questi raccontava com'erano le strade di Milano nella seconda met dell'Ottocento, quando persino in centro queste ospitavano povere case incolori e "sbilenche" rese meno anonime dai graziosi balconcini in ferro battuto, opera degli artigiani che, assieme ad altri artigiani, vivevano e lavoravano con le loro famiglie in queste contrade.

L'insieme edilizio era piuttosto grigio e deprimente, ma bastava il ritorno della primavera per ravvivarlo di rumori, colori, odori, aromi. Merito dei suoi abitanti che uscivano dalle case per svolgere ciascuno le proprie mansioni, scambiandosi convenevoli, chiacchierii, risate. C'era chi cantava (anche chi litigava) e molti svolgevano i propri lavori lungo le vie, tra una trattoria, un negozio di coloniali, una farmacia. Ecco: erano proprio questi suoni e profumi famigliari a dar vita alle contrade.

Una di queste, ci dice Alex, era la contrada del Torchio dell'olio "dopo il Malcantone", molto trafficata dal passaggio di carrozze, e che terminava al Carrobbio, dove per non avvenivano mai incidenti, forse grazie alla Madonna Addolorata, dipinta all'angolo della via che, a quei tempi era illuminata soltanto dai lumini che venivano accesi dai devoti sotto l'effige. In suo onore il 9 settembre gli abitanti organizzavano una festa.

La strada era vivacizzata, oltre che dal passaggio delle carrozze, anche dalla folla che si riforniva presso i vari fabbricanti e commercianti che qui svolgevano la propria attivit. C'era un antico banco fisso di articoli di merceria-teleria, dietro il quale "troneggiava", dice sempre Alex, certa Domenica Vigan e un altro di frutta e verdura, curato dalla "moglie dell'Albertella facchino". C'erano poi due "legnamari di carrozze", il Tornago e il Bianchi, che si facevano concorrenza.
Inoltre un maniscalco, due "scagnari" che producevano sedie, il "pelataro" (conciapelli), il barbiere.

Di tanto in tanto un messo comunale affiggeva l'avviso di qualche nuovo balzello, o di una nuova esecuzione capitale o di qualche riforma e anche questo evento richiamava una piccola folla che commentava la cosa, dopo che qualcuno che sapeva leggere ne aveva riferito a voce alta il contenuto.

Il brulichio consueto e famigliare si smorzava verso l'ora dell'ave maria, sostituito dai rintocchi delle campane di San Sisto, di San Pietro in Camminadella e quelle pi lontane di Sant'Ambrogio.

(Angela Turola - pubblicato sul numero di giugno 2002 di Sciroeu de Milan)

In milanes:

merciaia ambulante............marsciagnera, marsciagola
ortolana...........................ortolana, insalatera
facchino...........................brentador, facchin
carrozziere in legno.............legnamee de carrocc
maniscalco........................maniscalch
seggiolaio..........................scagnee, cadregatt
conciapelli, pellaio...............pellattee
barbiere............................barbee

VIRGOLA la riva a San Ciprian

(el 18 de november 2002, grazie a la Ada che, per prima, dpo che l' morta, l'ha regordada cont ona splendida poesia)

Chi l' poeu, Virgola?...Virgola l' on can, anzi ona cagnetta, la nstra cagnetta. Dovarissi d: l'era... perch l' mrta el noeuv de giugn de'st'ann ch, ma inveci disi: l'. Perch on can che'l spartiss tusscss con numm per dersett ann el diventa part de la nstra vita e el resta semper in di nster coeur. L' morta perch ghe la faseva p, a la voeuna de ntt, con numm visin e cont el musin pondaa sora la man del s padron.

El temp el passa, ma credi che la sensazion de la soa presenza e el regord di s espression, di s manifestazion passerann mai.

L'emm vista la prima vlta in c d'amis: la gh'aveva vtt mes e l'era ancam l con la soa mama perch l'era piasuda a nissun, mentre i s fradei eren staa subit daa via. Con numm l' invece staa on amor a prima vista; l'emm portada a c e nel gir d'ona settimana la s'era giam ambientada. E, subit, l'ha stabil la soa posizion in la famiglia. Mi s'eri la soa mama, el m mari el s padron e i m fioeu i s fradei pussee piscinitt. E insc l'aveva faa la soa scelta de vita e la se regolava a segonda di s necessitaa. La conosseva tutt'i nster abitudin e orari e la se metteva dedree a la porta d'ingress a spett quell che tornava a c. Naturalment i cittol de la soa pappa e de l'acqua doveven st indove mangiavom numm, ma la cominciava mai a mangi prima che fussum tutti settaa-gi. La se improvvisava can de guardia (lee che l'era dom un poo pussee grossa d'on gatt e la pesava sett chili) quand sonava el campanell o 'l citofono e la faseva ona gran festa ai amis che veniven de numm. Naturalment la partecipava e la restava con la comitiva fin a la fin. Poeu, quand l'era ora de and in lett, l'andava per tutti i stanz a controll che tutti fussen rientraa e, ona vlta soddisfada, la s'indormentava in camera mia. Inutil d che la gh'aveva ona coccia in gni ambient. Quand serom in c, lee la stava a met fra on corridor e l'alter e insc la podeva controll la situazion e cio: m che fasevi i mestee o cusinavi o alter e el m mar ch'el se dava de f in altra manera. L'ha mai vorsuu rest in c deperlee. De ona part numm semm staa sacrificaa, ma insc gh'emm avuu la fortuna d'aveghela semper visin. Quand el m mar l'era in viagg per affari (e lavoravi anca m) lee l'andava con l e le spettava in macchina quand l'era da on client. Poeu, a mezzd, andaven a mangi insema; sovent mangiaven on quaicss a la serna, ma lee, anca in di ristorant la se metteva sott'al tavol e la dava mai fastidi a nissun. La sera, quand tornaven, lee la stava cocciada sora el sedil de fianc a l e le guardava tutt el temp del viagg, come ona innamorada. L'era de catt anca quand gh'era ona quai ricorrenza: Natal, compleann o alter. Le la saveva che tra i pacchett de scart gh'era anca el s e l'era on gran usm a la ricerca de quell giust. E quand on quaivun el stava minga ben e l'era in lett? Lee la se moveva n da la camera e de tant in tant le tampinava cont i sciampitt quasi per domandagh com'el stava. Avii vist perch la sensazion de la soa presenza la passer mai? Basta cominci a parl de lee e se finissaria p. L' quell che l' capit a m adess.

Per consolamm on poo e ne la speranza che'l poda vess de consolazion anca a chi, come m, l'ha perduu el s can, leggiaroo la "La leggenda del Pont Arcobalen" cuntada s d'Indiani d'America.

"Tra la terra e el ciel gh' on pont ciamaa "Pont Arcobalen" per i s color ch'hinn gran bei! Quand on animal el moeur, soratutt se on quaivun ch su la terra el gh'ha vorsuu ben, el va in d'on sit che 'l se troeuva indove comincia 'sto pont ch. L' un pst bellissim, con l'erba semper fresca e profumada; i ronsg corren via tra collin e piant e i nster amis "speciai" pden corr e giug insema. Troeuven semper el s mangi preferii, l'acqua fresca per scoeud la set e el s sbarlusent per scaldass e insc i nster car amis hinn content: se in vita eren malaa o vegg, chichinsc troeuven salut e giovent; se gh'aveven ona quai menomazion o eren infermi chichinsc tornen a vess san e frt. In 'sto sit i besti ch'emm tanto amaa stann ben, senten dom la mancanza de la persona "special" ch'hann lassaa in su la terra. Insc capita de ved che intanta che giughen on quaivun de lor el se ferma de btt e el comincia a guard fiss de l de la collina; tutt i s sens hinn tes, i s oeugg s'illuminen e i s sciamp comincen la gran corsa: t te see staa doggiaa e quand te incontret el t amis "special" te le strenget tra i brasc con tanta giia, la toa faccia la ven basada e basada come 'na vlta e i t oeugg incontren i s oeugg s'cett che t'hann tanto cercaa. Adess vialter, insema, podii travers el Pont Arcobalen per lassav p".

 

 

      

 

            LA POESIA (Pablo Neruda)
            (libera traduzione di Angela Turola)
            letta a San Cipriano 18/10/2004

 

Fu a quell'et...Venne la poesia
a cercarmi. Non so, non so da dove
usc, dall'inverno o dal fiume.
Non so come n quando,
no non eran voci, non eran
parole, n silenzio,
ma da una strada mi chiamava,
dai rami della notte,
d'improvviso tra gli altri,
tra fuochi violenti
o ritornando solo,
era l senza volto
e mi toccava.

Io non sapevo che dire, la mia bocca
non sapeva
nominare,
i miei occhi erano ciechi,
qualcosa batteva nella mia anima,
febbre o ali perdute,
e mi andai facendo solo,
decifrando
quella scottatura,
scrissi la prima linea vaga,
vaga, senza corpo, pura
sciocchezza,
pura sapienza
di chi non sa nulla,
e vidi d'improvviso
il cielo
sgranato
e aperto,
pianeti,
piantagioni palpitanti,
l'ombra perforata,
crivellata
da frecce,
fuoco e fiori,
la notte travolgente, l'universo.

Ed io, essere minimo,
ebbro del grande vuoto
costellato,
a somiglianza, a immagine
del mistero,
mi sentii parte pura
dell'abisso,
rotolai con le stelle,
si sciolse il mio cuore nel vento.

 

L' staa a quell'et...La poesia
l' vegnuda a cercamm. El soo n, soo n
d'ndoe, de l'inverna o dal fiumm.
Soo n come n quand,
n, eren minga vos, n
parll, n silenzi,
ma da ona strada la me ciamava,
dai ramm de la ntt,
d'improvvis in mezz ai alter,
tra foeugh violent
o forsi la tornava,
l'era l senza faccia
e la me intrigava.

Savevi n 'se d, la mia bocca
la trovava n
el s nmm,
i m oeugg eren rb,
e piccava quaicss in la mia anima,
fver o l perduu,
e sl, indeperm,
cercavi de cap
quell gran brusor,
hoo scritt la prima riga malsicura,
senza spessor, incerta,
dom 'na stupidada,
vera sapienza
de chi sa nagtt,
e d'improvvis hoo vist
el ciel
spianaa,
avert...
pianetta,
piantagion cregh de vita,
l'ombra sbusada,
trapassada
de frcc,
foeugh e fior,
la ntt come striada, l'univers.

E m, in del m nient,
cicch del gran voeui
stellaa,
trapuntaa
de misteri,
me son sentii ona part
de quell'abiss,
hoo giugaa cont i stell,
el me coeur l'era liber in del vent.

 


 


Salvatore Quasimodo

 

Miilano, agosto 1943

Invano cerchi tra la polvere,
povera mano, la citt morta.
E' morta: s' udito l'ultimo rombo
sul cuore del Naviglio. E l'usignolo
caduto dall'antenna, alta sul convento,
dove cantava prima del tramonto.
Non scavate pozzi nei cortili:
i vivi non hanno pi sete.
Non toccate i morti, cos rossi, cos gonfi:
lasciateli nella terra delle loro case:
la citt morta, morta!

         

 

 

 (libere traduzioni di Angela Turola)

Milan, agost milanoeuvcentquarantatrii

Te cerchet per nagtt in tra la polver,
povera man, l' mrta la citt.
L' mrta: s' sentii l'ultim tron
sora el coeur del Navili. El rossignoeu
l' crodaa de l'antna sul convent,
in doe el cantava prima de f sera.
Inutil scav pozz in di cortil
I viv gh'hann p de set.
E tocchee minga i mort, insc ross, insc sgonfi:
lassei in de la terra di s c:
l' mrta ormai, l' mrta la citt!

 

Alle fronde dei salici

E come potevamo noi cantare
con il piede straniero sopra il cuore,
fra i morti abbandonati nelle piazze
sull'erba dura di ghiaccio, al lamento
d'agnello dei fanciulli, all'urlo nero
della madre che andava incontro al figlio
crocifisso sul palo del telegrafo?
Alle fronde dei salici, per voto,
anche le nostre cetre erano appese,
oscillavano lievi al triste vento.

 

Ai brcch di sares

E come avariom poduu cant
cont el pee forestee sora el coeur,
tra i mrt traa-l in di piazz
sora l'rba indurida dal giazz,
rent al tener lament di bagai,
vos disperaa di pover mamm
a la vista del fioeu crocifiss
sul passon del telegrafo, infiss?
Come voto, a la fronda di sares
taccaa-s anca i nster strument,
con mestizia, dondaven al vent.

 

 

La nbbia de Milan nella prima met del ventesimo secolo secondo Alberto Savinio (fradell del Giorgio De Chirico) -libera traduzione di Angela Turola-

"El Luis el tira s la tapparella e m ghe domandi se 'l pioeuv o se fa bell e l el rispond: Incoeu l' on d de nbbia. La tapparella la se tira s cont ona bretella de stffa, a mo' d'on campanatt che 'l tira la corda di campann. Che differenza dal gesto espressiv de quand che se sbarattava i gelosii. Allora i brasc, per ruzzai invers el mur, se slargaven in on gesto de primavera e, cont i brasc se sbarattaven anca i gelosii, incontra a la noeuva giornada, cont el s bell color verd verones, color de la speranza.

. . . . . . . . . .

Incoeu l' giornada de nbbia. El Luis l' milanes gh' del vanto in de la soa vos. Quand che i milanes parlen de la nbbia, gh'hann l'aria de no vess trpp content, ma l' n insc. La sgonfien, la disen pussee spssa de quanto no la sia verament, la paragnen a qulla de Paris, de Londra; la fann fina pussee spssa del famoso "nebbion londines" in doe se consumen i delitti di Edgar Wallace in d'on silenzi che 'l par de bombas.

. . . . . . . . .

Ma in doe l' la gran scighera de Milan? La nbbia la mobilia i citt, la incamera i discors di men e je consrva: e quand che a primavera el s el torna a speggiass in di vedrin e i dnn corren foeura di porton negher di c e come usei in libert sgoratten per i strad, i discors conservaa per tanti mes de la nbbia se dislenguen cont on baccan e pioeuven gi dal ciel sberlusent.

Se po' allora trovass in d'ona strada desrta con l'illusion de sent : Sta attent, Luisin, te do on sgiaffon che te immadonna in sul mur come ona pell de figh e te d l'idea che 'sta promessa l' stada fada on quai mes prima da ona mamma al so fiolin. E poeu: Sent , Teresa, incoeu la mangiom 'sta busecca o quand? e ch l' ciara che tra l e la Teresa, ormai, pussee che romanticismo gh' on certo interess per la pacciatoria. E poeu ancam: Credom, Gisella, m e t semm come l'ombrella e el mnegh e forsi anca 'sta promessa le s' deslenguada con la nbbia.

La nbbia l' comoda. La trasforma la citt in d'ona gran bombonera e chi ghe sta denter, in tanti canditi.
La nbbia l'uniss e la favoriss la vita de c. E anca l'amor...

. . . . . . . . .

Se capiss perch al Nord la volont de viv l' pussee forta. Fina la mrt l' men cruda in di citt con la nbbia, quand invece l' senza remission in di citt de s. I mrt se slontanen, ma minga del tutt. Vann a viv on poo pussee in l, in la soa citt pna pussee piscinina e la nbbia la uniss mrt e viv. Se gh'emm l'oreggia fina podom sent i mrt fiadaa pian pian, stt'a la nbbia spssa, denter i so comod casett..."

Luglio 2005

 

L'auto...ona stonadura  (Angela Turola)

 

Vill e c depoca
daven onet al m paes.
 
Rimiravi
el paesagg romantich
di bei temp passaa
 
Ma, tutt a on btt
dedree di spall
onauto di quii grss
la mha faa salt via.
 
Onesigenza del progrssse sa,
ma adss in del quader
sera formaa na crppa
insc come in di m sgn.

 Ville e case depoca
davano unet al mio paese.
 
Contemplavo
il paesaggio romantico
dei bei tempi passati.
 
Ma ecco sfrecciare
alle mie spalle assorte
una monovolume
che mi fa sobbalzare.
 
Unesigenza del progresso, certo
ma ormai lincanto rotto,
il paesaggio deturpato
e con esso i miei sogni.

Marzo 2008

     El pivion comunal di Italo Calvino          (libera traduzione di Angela Turola)

 

El sgoratt che fann i usei quand migren al sud o al nord, in autunn o a primavera, minga semper passen per la citt. I rsc tajen alt el ciel sora i camp a ond e rigaa e arent el bord di bosch e di vlt par che vaghen adree a la curva don fiumm o al fond dona vall e di vlt ai strad invisibil del vent. Ma giren alla larga, se incontren la filera di tecc dona citt.

 

Ma on d dautunn, on vol de sgneppitt lha tajaa la ftta de ciel dona via. E dom Marcovaldo, che l camminava semper col nas per ari, el se n incorgiuu. Lera sora on triciclo a furgonin e quand lha vist i usei el s miss a pedal pussee frt come sel voress corregh adree al pari don cacciador, anca se laveva mai ciappaa in man on fusil dpo el servizi de leva.

E intant cheel pedalava cont i oeugg ai usei che volaven, el s trovaa in mzz a on incros, cont el semafor ross, tra i macchin e el risc de vess investii. Intant che on ghisa, ross in faccia me on pollon, el scriveva gi el so nmm e indirizz, el Marcovaldo lha cercaa de ved ancam quii al in del ciel, ma gheren p.

 

A bottega poeu ghhann vosaa adree per la contravvenzion.

- Ma te cognosset n nanca i semafor? lha dii el capprepart scior Viligelmo Ma se te vardavet, coo de remolazz?

- On rsc de sgnepp, vardavi lha dii l.

- Ste dii? e al scior Viligelmo, che lera on vecc cacciador, ghhinn sberlusii i oeugg. E Marcovaldo lha cuntaa s.

- Sabet ciappi su can e fusil lha dii el capprepart, tutt content, (laveva giam desmentegaa linfuriada). L giam averta la caccia l in collina. Quell l lera quasi certament on rsc che i cacciador aveven stremii e insc  laveva cambiaa direzion

 

Per tutt el d el cervell de Marcovaldo lha masnaa, masnaa come on molin. Se sabet in collina el sar pien de cacciador, in citt caler gi on sacch de sgnepp e se m saroo scrcch, domenega mangiaroo rst de sgnepp 

 

La c de Marcovaldo la ghaveva el tecc faa a terrazza, cont el fil de frr de stend i pagn a sug. Marcovaldo l andaa-su cont i s trii fioeu, cont on bidon de visc tacchent, on pennll e on sacch de melgon. Intant che i fiolitt spantegaven i gran del melgon de tutt i part, l el spennellava de vis c i scss, i fil de frr, i cornis di torritt. E el ghe nha miss insc tant che el Filippetto, che lera l a giug, per pcch l restaa minga impataccaa l.

 

Qulla ntt l el Marcovaldo lha sognaa el tecc pien de sgnepp invisciaa e stremii. La soa miee Domitilla, che lera ingorda e pigra, lha sognaa aned giam rostii pondaa sora i torritt. La tosa Isolina, romantica, la sognava colibr de mettess in sul cappell. El Michelino lha sognaa de  trovagh na cicgna.

 

El d adree, gni ora, vun di fiolitt landava in ispezion sul tecc: el sbirciava dom dal lucernari, per minga fai strem, se eren l l per pondass; poeu el tornava gi per d i notizi. I notizi eren mai bon. Fina tant che, intorna a mezzd, el Pietruccio l rivaa e lha vosaa: - Ghhinn! Pap! Ven!

 

El Marcovaldo l andaa s cont on sacch. Impesaa in del visc ghera on pover pivion, vun de quii pivion gris de citt, suefaa a la gent e al frecass di piazz.

'

Intorna, alter pivion sgorattaven e el vardaven con tristezza, intant chel cercava de liberass i al

 

I gent del Marcovaldo eren dree a spolp i ossitt de qull magher e slgner pivion faa a rst, quand hann sentii picc a la prta.

 

Lera la dnna de servizi de la padrna de c: - El vgna subit; la padrna la voeur parl con l! -

Preoccupaa, perch lera indree de ses mes cont el fitt e el ghaveva paura del sfratt, el Marcovaldo l andaa gi al pian nbil da la sciora.

El va denter in del saltt indove ghera giam on alter visitador: el ghisa ross in faccia me on pollon.

 

- Che l vgna avanti, Marcovaldo, - lha dii la sciora. Me disen che su la terrazza gh on quaivun chel da la caccia ai pivion del Comun. L el sa on quaicss?

 

El Marcovaldo el se sent de giass.

 

- Sciora! Sciora! la vosa in sto moment ona dnna.

- Se gh. Guendalina?

 

Ven denter la lavandera:. Sont andada in terrazza per stend e tutta la biancheria l restada impataccada. Hoo tiraa per distaccala, ma la se streppa! Tutta rbba ruvinada! Che sar mai? -

 

El Marcovaldo el se fregava la man sul stmegh come se l podess minga digerii.

Marzo 2008