Angeli-guida (qualcuno li conosce?)

Io credo che esistano. Proprio stanotte, che stavo veramente male (problemi di vertebre per cui mi guardavo bene dal fare movimenti bruschi) e che già temevo di passare un’ennesima notte insonne, ho avuto ad un certo momento la sensazione che qualcuno mi spingesse a fare invece un certo movimento energico del braccio, guidandomi anche con l’esortazione vocale "non demordere". Questo movimento mi ha effettivamente creato uno sblocco, che mi ha permesso di riposare poi (finalmente!) per il resto della notte. L’episodio mi ha ridato fiducia e serenità, tanto è vero che alle sei e trenta sono scesa a portare il cane e guarda caso in quel momento ho incrociato nel bel mezzo della strada un omone con una barba folta che camminava lentamente e mi ricordava i famosi "racconti di Natale" tante volte visti in TV. Un angelo-guida anche lui? Probabilmente solo un ospite del ricovero notturno, ma la voglia di associazione è troppo forte.

Per questo ho deciso di inserire nel sito questa pagina, riportando un messaggio che avevo letto nel libro di Gian Antonio Cibotto "San Bastiano con la viola in mano" (e che in seguito ho saputo essere stato scritto da un Anonimo brasiliano), con la traduzione milanese (forse fatta dal nostro poeta dialettale Marco Candiani).

Nella speranza che faccia bene anche a qualcun altro.      

Messaggio

Ho sognato che camminavo
in riva al mare con il Signore
e rivedevo sullo schermo del cielo
tutti i giorni della mia vita passata.
E per ogni giorno trascorso
apparivano sulla sabbia due orme:
le mie e quelle del Signore.
Ma in alcuni tratti ho visto una sola orma,
proprio nei giorni più difficili della mia vita.
Allora ho detto: "Signore
io ho scelto di vivere con te
e tu mi avevi promesso
che saresti stato sempre con me.
Perché mi hai lasciato solo
proprio nei momenti più difficili?".
E lui mi ha risposto:
"Figlio, tu lo sai che io ti amo
e non ti ho abbandonato mai:
i giorni nei quali
c’è soltanto un’orma sulla sabbia
sono proprio quelli
in cui ti ho portato in braccio".








 

Non voglio (Lino Biscottini)

Non voglio fumare la pipa stando all’osteria
Non voglio consumare il fondo dei pantaloni su una sedia
Non voglio coltivare l’orto solo per passare il tempo
Non voglio che abbiano rispetto dei miei capelli bianchi
Non voglio che mi compatiscano
Non voglio essere sopportato
Non voglio ricordare che il tempo è passato
Non voglio l’ombra di un albero fino a che cadano le foglie
Non voglio che i miei figli mi custodiscano, solo per pagare un debito
Non voglio essere rimborsato
Tutto quello che ho dato loro non l’ho mai messo a frutto
Non voglio campare solo per quei due soldi di pensione

Voglio poter essere utile
Voglio che qualcuno colga la mia semente
Voglio insegnare ai giovani
Voglio dare dei consigli
Voglio poter portare una pietra, per fare una casa nuova
Voglio parlare di ieri, per fare più bello il domani
Voglio fare una carezza che non faccia schifo
Voglio potare un giardino
Voglio annaffiare una pianta, piantare una rosa
Non voglio essere finito, prima di essere finito
Non voglio essere morto, prima di morire

Anche questo Biscottini, secondo me, è un angelo-guida................

Messagg (Sògn)

Stanòtt hoo faa on sògn,
me sont insognaa che camminavi
su la sabbia in compagnia del Signor.
Hoo vardaa indree e hoo veduu che
per ògni dì de la mia vita,
come in d’on film, compariven pedann
in su la sabbia: voeuna mia e
voeuna del Signor.
Inscì sont andaa innanz, fintant
che tucc i mè dì hinn finii.
Allora me son fermaa vardand indree,
e hoo veduu che in certi sit
gh’era domà ona pedana…
Eren i sit che combaciaven cont i dì
pussee difficil de la mia vita;
i dì di dispiesé pussee grand,
de gran paura e pussee dolor...
Allora hoo domandaa:
"Signor, Te avevet dii che te sariet staa
con mì tucc i dì de la mia vita,
e mì ghe son staa per viv con tì,
ma perché te m’hee lassaa depermì
pròpi in di moment pussee brutt de la mia vita?".
E el Signor l’ha risponduu:
"Car el mè fioeu, mì te voeuri ben
e t’avevi dii che saria staa con tì
per tutta la strada e che mai
t’avria lassaa depertì nanca on minut,
e t’hoo minga lassaa…
i dì che t’hee veduu domà ona pedana
su la sabbia eren staa i dì che t’hoo portaa in brascia!"

Voeuri nò (Lino Biscottini - trad. Paola Cavanna)

Voeuri nò fumà la pipa dent on'osteria
Voeuri nò slisamm el fond di calzon su ona cadrega
Voeuri nò zappà l'ort domà per passà el temp
Voeuri nò che gh'abbien rispett per i mè cavei bianch
Voeuri nò che me compatissen
Voeuri nò vess sopportaa
Voeuri nò ricordamm ch'el temp l'è passaa
Voeuri nò l'ombria d'ona pianta, fin che ghe cròda i foeuj
Voeuri nò che i mè fioeu me costodissen, domà per pagà on debit
Voeuri nò vess rimborsaa
Tutt quell che gh'hoo daa l'hoo mai miss a partii
Voeuri nò tirà innanz domà per quei duu ghei de pension

Voeuri vess necessari
Voeuri on quaivun ch'el catta-sù la mia somenza
Voeuri insegnagh ai giovin
Voeuri dà di consili
Voeuri portà 'na preia per fà ona cà noeuva
Voeuri parlà de ier per fà pussee bell el doman
Voeuri fà ona carezza che la faga nò schivi
Voeuri podà on giardin
Voeuri dacquà 'na proeusa, piantà ona roeusa
Voeuri nò finì prima de vess finii
Voeuri nò vess mòrt, prima de morì.

L'autore, Lino Biscottini, è un ragioniere in pensione di Ravenna che scrive poesie in dialetto romagnolo